Per le scuole

Da RELug :: Reggio Emilia Linux User Group.
(Differenze fra le revisioni)
(Progetti scuola)
Riga 11: Riga 11:
 
Il sistema è centralizzato, l'installazione e la manutenzione riguardano prevalentemente il server, con notevoli risparmi di tempo e denaro, come client si possono utilizzare anche computer datati, non più utilizzabili come pc (personal computer).
 
Il sistema è centralizzato, l'installazione e la manutenzione riguardano prevalentemente il server, con notevoli risparmi di tempo e denaro, come client si possono utilizzare anche computer datati, non più utilizzabili come pc (personal computer).
 
Infatti al “Collodi” è stato acquistato inizialmente solo il server, dal costo di 400 euro; la dozzina di client che formano il laboratorio è stata recuperata da materiale dismesso.
 
Infatti al “Collodi” è stato acquistato inizialmente solo il server, dal costo di 400 euro; la dozzina di client che formano il laboratorio è stata recuperata da materiale dismesso.
Solo i seguito ai finanziamenti della Fondazione Manodori, che ha finanziato un
+
Solo in seguito ai finanziamenti della Fondazione Manodori, che ha finanziato un
 
progetto redatto dalla referente di sede per l'informatica, sono stati sostituiti quei client che presentavano effettivi problemi di natura elettromeccanica. (foto Lab. Collodi)
 
progetto redatto dalla referente di sede per l'informatica, sono stati sostituiti quei client che presentavano effettivi problemi di natura elettromeccanica. (foto Lab. Collodi)
 
Grazie all'LTSP è possibile connettersi al server, quindi a tutti i documenti prodotti dai bambini e insegnanti della scuola, da qualsiasi punto della scuola, corridoi compresi, grazie alla completa cablatura della scuola.
 
Grazie all'LTSP è possibile connettersi al server, quindi a tutti i documenti prodotti dai bambini e insegnanti della scuola, da qualsiasi punto della scuola, corridoi compresi, grazie alla completa cablatura della scuola.

Versione delle 22:27, 11 apr 2012

Progetti scuola

  • Istituto Comprensivo “Galileo Galilei”

Alla fine del 2010 alla scuola elementare Collodi c'erano solamente una Lim, un computer vecchio e malfunzionante e 5 portatili. Grazie ad alcuni fondi della scuola e alle generose donazioni della Fondazione Manodori, dei supermercati Conad e all'impiego del software libero, col supporto dei lug provinciali Relug e Lug di Scandiano, in particolare di Fabio Casolari, è stato creato un sistema informatico esteso a tutta la scuola sfruttando la cablatura già esistente. Il laboratorio funziona attraverso l'LTSP (Linux Terminal Server Projet), sistema informatico costituito da un server e da una serie di terminali, privi di disco rigido, quindi di sistema operativo, che attingono le risorse dal server attraverso la rete dati. Il sistema operativo è Ubuntu 10.10 LTSP distribuzione di Linux, software libero e gratuito. I vantaggi del software libero rispetto ai proprietari sono molteplici. In ambito scolastico ciò consente, insieme alla gratuità, una completa libertà di azione ai responsabili dei laboratori informatici, i quali non hanno necessità di chiedere permessi ad alcuno nè di chiedere soldi per il sistema operativo che fa funzionare i computer. Il software libero può essere liberamente modificato e adattato alle esigenze di ogni scuola ed è esente da virus. Il sistema è centralizzato, l'installazione e la manutenzione riguardano prevalentemente il server, con notevoli risparmi di tempo e denaro, come client si possono utilizzare anche computer datati, non più utilizzabili come pc (personal computer). Infatti al “Collodi” è stato acquistato inizialmente solo il server, dal costo di 400 euro; la dozzina di client che formano il laboratorio è stata recuperata da materiale dismesso. Solo in seguito ai finanziamenti della Fondazione Manodori, che ha finanziato un progetto redatto dalla referente di sede per l'informatica, sono stati sostituiti quei client che presentavano effettivi problemi di natura elettromeccanica. (foto Lab. Collodi) Grazie all'LTSP è possibile connettersi al server, quindi a tutti i documenti prodotti dai bambini e insegnanti della scuola, da qualsiasi punto della scuola, corridoi compresi, grazie alla completa cablatura della scuola. Anche la nuova LIM ottenuta grazie all'iniziativa di raccolta punti dei supermercati Conad, funziona con Linux, precisamente con la versione Ubuntu 10.04. Grazie alla doppia cablatura della rete è possibile avviarla anche come client del server LTSP, per accedere alla banca dati della scuola elementare. (foto Lim Collodi) Grazie alla donazione della Fondazione Manodori inoltre, è stato effettuato l'acquisto di un videoproiettore e di un lettore DVD, ai quali è stato aggiunto un computer dismesso da una ditta che, grazie a Linux, è stato rivitalizzato. Con questi componenti è stato allestito un carrello multimediale, con il quale si possono proiettare immagini dal DVD o dal computer, il quale può anche avviarsi come client del server della scuola, attraverso la rete informatica. (foto carrello Collodi 1 e 2) Il laboratorio della scuola Media di Massenzatico era dotato di 14 computer Pentium IV del 2002, ormai inutilizzabili. Non disponendo, per carenze finanziarie, di un server nuovo e potente, si è ripiegato, per gestire gli attuali 25 computer, di 2 server riciclati, in attesa del finanziamento per l'acquisto di un server più potente. (foto Lab. Massenzatico) Il primo un AMD Athlon 1150 Mhz, 2 Gb di ram, il secondo un Pentium IV, 1 Gb di ram. La sistemazione del laboratorio ha permesso l'effettuazione anche di un corso serale organizzato dal Relug. (foto corso serale) LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) Promethean Per le 3 LIM arrivate nel 2011 è stato scelto il sistema operativo Ubuntu 10.04, sia per scelta filosofica, che per necessità economiche, dato che la somma per i computer non consentiva l'acquisto di alcuna licenza. (Foto Lim2) Il software è di facile installazione, funziona bene e la calibrazione è stabile. I principali problemi riscontrati sono dovuti ai produttori di programmi che prevedono l'uso solo su sistemi operativi proprietari. |guarda qui

Strumenti personali